GESTIRE LA VASCA QUANDO L’ASSISTENTE BAGNANTI E’ UNO SOLO

di Alex Stecchezzini e 

Denis De Benedetto Istruttrice di Nuoto Assistente Bagnante e Laureanda in Filosofia

——  Quarta Parte  ——

alexsteccacqua3

QUAL E’ DUNQUE LA SITUAZIONE?

Per assurdo si potrebbe arrivare ad ipotizzare che una sola persona abilitata al salvataggio o alla sicurezza, abbia la responsabilità di 60 persone, quelle mediamente ospitate nella vasca sopra citata ad esempio.

Le funzioni dell’AB specifiche sono:

– regolare l’attività di balneazione vegliando sui comportamento degli utenti;

– applicare e far rispettare il regolamento;

– verificare la chimica delle acque e le condizioni igieniche;

– prevenire gli incidenti in acqua con una sorveglianza attenta, mettendo in atto le tecniche di salvataggio e primo soccorso acquisite in corsi di formazione periodicamente aggiornati e certificati, per intervenire sulla perdita di coscienza in caso di asfissia e arresto cardio circolatorio;

– disponibilità a trattare con il pubblico e la capacità di farsi valere per prevenire gli incidenti dimostrando competenza e sicurezza ma soprattutto determinazione in situazioni di emergenza;

– il dovere di manette la proprio forma fisica e l’abilità alle tecniche con costanti allenamenti e aggiornamenti;

– l gravosa responsabilità della sicurezza dei bagnanti:ne risponde in prima persona sotto l’aspetto penale e civile, dato che può causare la perdita di vite umane.

Responsabilità Civile: “Qualunque fatto “doloso o colposo” che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno, con una sanzione “pecuniaria””.

Responsabilità Penale:“La responsabilità penale è PERSONALE (non delegabile). L’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva. Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla “rieducazione” del condannato. Non è ammessa la pena di morte”.

Il nostro lavoro diventa COLPOSO, quando abbiamo una colpa generica.

Negligenza: omissione del compimento di un’azione doverosa.

Esempio: dovevo tuffarmi per soccorrerlo e mi sono rifiutato

Imprudenza: inosservanza di un divieto assoluto di agire o di un divieto di agire secondo determinate modalità

Esempio: Non ho richiesto l’aiuto aggiuntivo di un’altro AB e mi sono trovato ad agire fuori dal rispetto delle regole di minima prudenza.

Imperizia: negligenza o imprudenza in attività che richiedono l’impiego di particolari abilità o condizioni.

Esempio: non sono allenato, addestrato, aggiornato e ho impiegato tecniche obsolete (ogni 2/5 anni è obbligatorio affrontare gli aggiornamenti soprattutto per le manovre salva vita).

 

Link Correlati: http://www.ilrestodelcarlino.it/reggio-emilia/bimbo-annegato-in-piscina-mancava-un-bagnino-1.974132

http://www.francocrisafi.it/web_secondario/sentenze%202013/cassazione%20penale%20sez%204%20sentenza%2024165%2013.pdf

Adesso… vi riconoscete in tutto questo?

E’ evidente che il Soccorso è un OBBLIGO: Morale, Medico-Legale e Deontologico, ma deve essere anche svolto in Sicurezza.

L’ASSISTENTE BAGNANTI DEVEESSERE IL PRIMO A PRETENDERE CHE TUTTO AVVENGA IN SICUREZZA.

 

Bibliografia:

– Ares: sede principale: Via Massari 189/A – 10148 TORINO – Tel. 0112269878 – 0112269903 – Fax. 0112269918 Sede di Verona: Via Bozzini 5 – 37135 VERONA – Tel/fax 045502852 ares@ares.to.it – prati.denis@gmail.com

Diritto&Diritti nel ottobre 2004 :Quanti e quali assistenti ai bagnanti servono in piscina’

di dott. Rossana Prola.

– Presidenza del Consiglio dei Ministri: Conferenza Stato Regioni seduta del 16 Gennaio 2003 : Repertorio Atti n.1605

– Lifeguarditalia: La prevenzione degli incidenti in piscina: http://www.lifeguarditalia.net/precauzione-e-salvataggio-un-ripasso-assistente-bagnanti-bagnino-2/

– Motti Tiziano – Maestro di Salvamento FIN: monotiz@gmail.com “La figura dell’Assistente Bagnanti”.

Un ringraziamento SPECIALE a:

Denis De Benedetto Istruttrice di Nuoto Assistente Bagnante e Laureanda in Filosofia

Link Correlati: 

http://www.alexstecchezzini.it/assistenti-bagnanti-anafilattica/

http://www.alexstecchezzini.it/nuoto-e-il-fattore-paura/

http://www.alexstecchezzini.it/effetti-del-cloro-sulla-salute/

http://www.alexstecchezzini.it/cloramine-nelle-piscine-rischio-per-gli-assistenti-bagnanti/

http://www.alexstecchezzini.it/incidenti-domestici-annegamento/

– Novità: Gestione dell’integrazione alimentare e la ridratazione, dedicata al Soccorritore durante le fasi di Intervento, recupero con sostegno delle difese immunitarie, ma soprattutto migliora il livello di attenzione e di concentrazione durante il lavoro.
alex stecchezini, herbalife, soccorso, integrazione alimentare
L’integrazione alimentare corretta, deve essere realizzata e studiata sulle esigenze dell’individuo (soccorritore o sportivo). Per qualsiasi chiarimento in merito contattatemi possiamo realizzare un integrazione personalizzata per Voi: Alex +39 389 23 48 119 – emtformazione@gmail.com – http://www.alexstecchezzini.it/contatti/