L’EQUIPAGGIAMENTO

La scelta dell’equipaggiamento è condizionata dal fatto che ogni oggetto, ogni indumento ha un peso, magari modesto, ma che complessivamente contribuisce a produrre un carico che la schiena deve sostenere e che viene, sempre e comunque, percepito come eccessivo. E’ un concetto sin troppo ovvio, ma bisogna provare per rendersene bene conto.

Premesso questo, non si dovrebbero superare i 10, massimo 13 chilogrammi di bagaglio naturalmente per escursioni di più giorni o in terreni impervi.

Per le persone di costituzione leggera questi pesi vanno ovviamente diminuiti.

 

L’elenco che segue è, naturalmente, solo indicativo.

 

INDISPENSABILI 

Zaino 30/40 litri circa. Preferire zaini con tasche esterne e coprizaino.

Scarpe Da trekking, di tipologia adatta alla stagione (se sono in Gore-Tex e hanno la suola Vibram, la qualità dovrebbe essere buona). Tenere secondo paio di scarpe in macchina per cambiarsi all’arrivo.

Giacca leggera In materiale impermeabile e per quanto possibile traspirante Gore-Tex.

Mantella In materiale impermeabile e per quanto possibile traspirante.

Pantaloni Lunghi possibilmente chiari, con cerniera staccabili, corti.

Calze Senza cuciture, traspiranti, specifiche per trekking.

Felpa, Magliette, Mutande, Fazzoletti, Cappello

Leggera e più pesante, in pile la pesantezza dipende comunque dalla stagione.

Ne esistono in materiali (microfibra) che riducono al minimo la permanenza di sudore sulla pelle e asciugano in fretta.

Per il sole o bandana o a falda larga (impermeabile).

Per il freddo berretta di lana o in pile.

Guanti Per freddo adeguati alla stagione (x esempio esc. su neve).

Borraccia In materiale leggero e termica, meglio se è agganciabile esternamente allo zaino. Si può sostituire con due bottigliette in PET .

Cordino 5/6 metri, per stendere vestiti ed altri usi.

Corda di soccorso 30 metri, con sistema di autosoccorso solo se si hanno le nozioni per l’uso.

Laccetti di scorta Adatti come lunghezza alle proprie calzature

Alimenti Energetici si scorta Barrette energetiche, cioccolato, frutta secca.

Set per medicazione 1° Soccorso Benda elastica, cerotti normali e soprattutto quelli speciali per vesciche (Compeed), antidolorifico, antinfiammatorio, crema per la protezione dei piedi, acqua ossigenata, aghi sterili per le vesciche, crema solare, garze, cotone, nastro adesivo tela, farmaco anti- traumatico, ghiaccio secco, telo termico.

Coltello Multiuso.

Fischietto Da mettere e da tenere al collo.

Accendino Se antivento è meglio . Tavoletta di diavolina (eco !).

Torcia Lampada frontale LED con batterie di scorta

Sacchetti Ripiegati bene, servono sempre.

Penna, quaderno Se si vuole scrivere o prendere appunti.

Ombrellino pieghevole Accertarsi che resista al vento.

Telefonino E carica batterie se il trekking è di più giorni .

Occhiali Da sole ed eventualmente, da vista

Bastoncini telescopici Due, per alleggerire il carico sulla schiena, specialmente in salita e in discesa.

Ghette Utili nei mesi invernali.

Ago e filo Per rammendare vestiti e zaino

Spille da balia Di diverse dimensioni: servono anche per appendere la biancheria

EXTRA: un buon sistema per ridurre ulteriormente il peso e, soprattutto, i volumi è quello di porre dentro scatolette idonee alcuni materiali (dentifricio, creme e pomate varie, disinfettanti). Le scatolette si possono trovare nelle farmacie o nelle profumerie; per evitare spiacevoli sorprese scegliere quelle che hanno chiusura a vite.

Cartina topografica zona

Possibilmente con scala 1/25000.

Asciugamano

In microfibra 40×40, vendute come stracci per pulire e di poco costo. Pesa pochissimo (45 grammi!).

Set pulizia Per lavare biancheria. Una buona soluzione è portarsi un sacchetto di sapone di marsiglia in scaglie è più leggero di quello liquido e si può usare indifferentemente per le mani e per la biancheria. Un buon contenitore è quello sterile usato per l’urinocoltura. Spazzolino con manico componibile. Non scordare tagliaunghie o forbicina.

Integratori salini Adottando una alimentazione equilibrata c’e’ chi dice che se ne può fare a meno chi dice siano indispensabili !?.

Sacco-lenzuolo Indispensabile se si alloggia in rifugio gestito

Sacco a pelo Attenzione alle temperature dichiarate sull’etichetta (minima, standar, confort).

Ciabatte In gomma, per la doccia e per far stare i piedi il più possibile all’aria durante i momenti di riposo (sandali impermeabili).

MATERIALE TECNICO

Altimetro, Bussola, Gps, Orologio

UTILI, NON SEMPRE NECESSARI

Macchina fotografica

Batterie e carica batterie.

Modello E111 x ESTERO

Rilasciato dall’ASL di appartenenza, per avere assistenza sanitaria senza problemi nei paesi appartenti alla EU.

Materassino

Per una sistemazione di emergenza; può servire anche ad avvolgerci il sacco a pelo, se lo si mette fuori dallo zaino.

Costume da bagno

D’estate serve.

 

– Novità: Gestione dell’integrazione alimentare e la ridratazione, dedicata al chi fa sport, permette un recupero totale e un sostegno delle difese immunitarie, ma soprattutto migliora il livello di attenzione e di concentrazione durante il lavoro.
alex stecchezini, herbalife, soccorso, integrazione alimentare
L’integrazione alimentare corretta, deve essere realizzata e studiata sulle esigenze dell’individuo (soccorritore o sportivo). Per qualsiasi chiarimento in merito contattatemi possiamo realizzare un integrazione personalizzata per Voi: Alex +39 389 23 48 119 – emtformazione@gmail.com – http://www.alexstecchezzini.it/contatti/

Privacy Preference Center